WhatsApp Image 2022-02-11 at 16.58.27 (2).jpeg

Oltre al pane, un sorriso.

… pasta, olio, caffè, zucchero …Ci sono bambini? sì, allora servono anche pannolini, omogeneizzati e biscotti! No, non siamo al supermercato a fare la spesa, ma al Convento dei Frati di San Daniele, dove una volta alla settimana con frate Andrea e altre persone svolgiamo il compito di volontari nella distribuzione di viveri ai più bisognosi.

Tutto iniziò circa un anno fa, quando alla fine di una messa, il celebrante chiese se alcune persone potevano impegnarsi a fare volontariato nelle attività del Convento.

Non ci abbiamo pensato due volte e abbiamo dato subito la nostra adesione.

Prima di cominciare questo servizio ci eravamo fatti delle idee, su chi avremmo incontrato; credevamo ci fossero solamente persone straniere, invece ci siamo accorti che c’erano anche italiani, che per le più disparate situazioni, mancanza o perdita del lavoro non riescono ad arrivare alla fine del mese.

Questo ci ha fatto realizzare che chiunque di noi può cadere improvvisamente in tali difficoltà e talvolta la sicurezza economica che abbiamo acquisito non ci garantisce dalle avversità della vita. Il bello di questo servizio e che ti fa vivere i rapporti con persone di varie etnie.

Spesso vengono donne e mamme nei colorati costumi della loro terra, che danno gioia a guardarle e ti invogliano con il loro sorriso ad avviare un dialogo, e scambiare una parola nella semplicità.

Con alcune di loro che da anni sono integrate nel nostro territorio e parlano la nostra lingua, si è ormai instaurata una certa cordialità e nel consegnare il pacco o la borsa degli alimenti non mancano le battute di scherzo.

Altre volte vengono con i loro bambini affardellati sulla schiena, altri per mano e quando dai loro un cioccolatino e un giocattolo ti ringraziano con gioia, sorridenti e felici per il piccolo dono.

Le opere di misericordia, sono la strada per trovare misericordia, sono quelle che ci tolgono dall’egoismo e ci fanno imitare Gesù. Spesso ci chiediamo chi riceve in quest’opera, loro o noi? Il brano del vangelo “c’e maggior gioia nel dare che nel ricevere” At 20,35 calza perfettamente nella nostra esperienza.